Che sia verde o che sia nero, il tè ha proprietà anti-ipertensive. A dirlo è uno studio dell’Università della California, Irvine, che ha notato come i composti della bevanda arrivino a rilassare i vasi sanguigni, attivando le proteine dei canali ionici nella parete di questi stessi vasi. Questa scoperta, spiegano i ricercatori sulla rivista scientifica Cellular Physiology and Biochemistry, potrebbe portare alla progettazione di nuovi farmaci in grado di abbassare la pressione sanguigna.

I risultati della ricerca hanno rivelato che due composti flavonoidi di tipo catechina (epicatechina gallato ed epigallocatechina-3-gallato) presenti nel tè, attivano ciascuno un tipo specifico di proteina del canale ionico denominata KCNQ5, che consente agli ioni potassio di diffondersi fuori dalle cellule per ridurre l’eccitabilità delle cellule stesse. Poiché KCNQ5 si trova anche nella muscolatura liscia che riveste i vasi sanguigni, è stato anche visto come la sua attivazione da parte delle catechine del tè rilassi proprio i vasi sanguigni.

“Abbiamo scoperto, utilizzando studi di modellazione al computer e mutagenesi, che specifiche catechine si legano al piede del sensore di tensione, che è la parte di KCNQ5 che consente al canale di aprirsi in risposta all’eccitazione cellulare. Questo legame consente al canale non solo di aprirsi molto più facilmente ma anche più rapidamente “, ha spiegato Abbott.

 Immagine: modello strutturale che mostra l’epicatechina gallato flavonoide del tè (blu/rosso) che si lega alla base del sensore di tensione (verde) di KCNQ5, un tipo di canale del potassio presente nei vasi sanguigni umani.

 

Il tè nero viene comunemente mescolato con il latte prima di essere consumato in paesi come il Regno Unito e gli Stati Uniti. I ricercatori del presente studio hanno scoperto che quando il tè nero veniva applicato direttamente alle cellule contenenti il ​​canale KCNQ5, l’aggiunta di latte impediva i benefici effetti di attivazione del KCNQ5 del tè. Tuttavia, secondo Abbott, “Non crediamo che questo significhi che è necessario evitare il latte quando si beve il tè per sfruttarne le proprietà benefiche. Siamo fiduciosi che l’ambiente acido dello stomaco separerà le catechine dalle proteine dalle altre molecole presenti nel latte che altrimenti bloccherebbero gli effetti benefici delle catechine”. Questa ipotesi è confermata da altri studi che mostrano i benefici antipertensivi del tè indipendentemente dal consumo congiunto di latte. Il team ha anche scoperto, utilizzando la spettrometria di massa, che il riscaldamento del tè verde a 35°C altera la sua composizione chimica in un modo che lo rende più efficace nell’attivare KCNQ5. “Indipendentemente dal fatto che il tè venga consumato freddo o caldo, questa temperatura viene raggiunta dopo aver bevuto il tè, poiché la temperatura del corpo umano è di circa 37°C”, ha spiegato Abbott. “Così, semplicemente bevendo il tè, attiviamo le sue proprietà benefiche e antipertensive”.

 

Fonti: Alimentazione & Nutrizione; Medimegazine

Share